Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Con Marina Mattarei si volta pagina

I presidenti delle cooperative votano per il cambiamento. Come si è giunti a un risultato inaspettato e subito definito “storico”

Sembrava l’atto conclusivo di un concorso di miss: con le due finaliste affiancate che alla proclamazione della vincitrice balzavano in piedi e si abbracciavano e baciavano: una incredula per la vittoria, l’altra stranita per la sconfitta. Ma non erano due giovinette di belle speranze, bensì due esperti candidati arrivati al ballottaggio per una delle cariche più importanti del Trentino: Michele Odorizzi e Marina Mattarei, con la seconda proclamata nuova presidente della Federazione Cooperative. E la sala reagiva con grande calore: la maggioranza ad applaudire frenetica, per una vittoria ritenuta tanto importante quanto impossibile; la minoranza, più esigua eppur più potente, con gli increduli boss in prima fila, tramortita dall’inopinato esito, che per molti significava la fine di ricche rendite di posizione.

È con piacere che vi comunico un risultato storico…” aveva esordito il presidente (di transizione) Mauro Fezzi; “storico” in parte perché Marina Mattarei diventava la prima donna presidente in un mondo vigorosamente maschile, ma soprattutto in quanto a vincere era l’esponente dell’ala critica del movimento cooperativo, sempre sconfitta quando non sbeffeggiata dalla cricca di boss abbarbicati ad un potere ritenuto inattaccabile.


Puoi continuare a leggere l'articolo acquistando - con la carta di credito - il numero in versione Pdf.


Se lo hai letto sul giornale puoi lasciare un commento.