Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca
QT n. 7, luglio 2020 Monitor: Arte

La scommessa dell’arte in quota

Federico Seppi, Simulacro (Foto di Eugenio Delpero).

Da 12 anni Pampeago ospita il parco d’arte RespirArt, uno dei 21 musei a cielo aperto d’Italia, situato a quota 2.200 e raggiungibile con la seggiovia Agnello. Si tratta di un esteso pascolo arido protetto da una cornice di pini mughi e arditi pini cimbri che apre a vasti panorami verso il Corno Bianco e i boschi di Pietralba, mentre sulla destra lascia sfilare le guglie dolomitiche del Latemar. La rassegna copre un lungo periodo, dal 27 giugno al 27 settembre.

È il parco d’arte più alto d’Italia: per come è strutturato, la sua frequentazione si inserisce nel pieno rispetto delle disposizioni in atto riguardo il rischio di contagio del Coronavirus grazie agli spazi aperti, alla rete dei sentieri, ai posti di riposo e ristoro fra loro distanziati.

In un anello di tre chilometri vi si trovano 27 opere, fra le quali spicca “Il giardino di Danae” del giapponese Hidetoshi Nagasawa.

Dal 18 al 25 luglio sulla montagna di Tesero saranno ospitati diversi artisti di fama internazionale che lavoreranno a nuove installazioni. Si cimenterà con la sua intensa espressività la romagnola Patrizia Giambi, che nel passato ha creato percorsi anche editoriali con Maurizio Cattelan. Nel parco realizzerà la “Reggia barbarica”, una struttura tipo baia sostenuta da legno di scarto e protetta all’interno da feltro lavorato a mano. Un’opera sobria, ma capace di diffondere e donare abbracci fertili.

Olga Ziemska, Mind’s eye (Foto di Eugenio Delpero).

I Land artist Gabriele Meneguzzi e Vincenzo Sponga, fondatori dell’Humus Park di Pordenone, proporranno invece “Punto e virgole”, una struttura probabilmente vertiginosa e nel contempo diffusa in rame e ferro, zolle di muschio e rami. Si tratterà di una punteggiatura stesa sul prato che favorirà la lettura di quanto vi è di incompreso, poco percepibile nella natura. Saranno ospiti della settimana anche l’artista americana Olga Ziemska, la svedese Hannah Streefkerk, ricamatrice di licheni, e Duilio Forte, che sta collocando i cavalli mitologici a otto zampe Sleipnir (il cavallo di Odino), dislocandoli nei luoghi più suggestivi di un pianeta ormai frastornato dall’invadenza umana e reso sempre più fragile. Sono tutte opere mutevoli: è la natura a definirne il destino, l’eventuale deperimento e quindi la vita. Padroni del luogo risulteranno ancora essere le gelide temperature invernali o il sole estivo che fessura ogni legno, anche quello più resistente, le piogge fitte e continue e quelle violente che si scatenano in brevi e intensi temporali. Legni e metalli che si plasmano, cambiano i colori originari e lasciano a noi spettatori spazi di immaginazione mai ripetitivi.

Madrina della manifestazione sarà la giornalista Maria Concetta Mattei, presente nell’Alpe il 25 luglio.

Per passeggiare in quota nella natura c’è bisogno di altri accompagnamenti, non solo culturali ma anche culinari: sono stati quindi creati i cesti Pic-Nic Arte, ispirati ad artisti fra loro lontani, da Caravaggio a Fontana, cesti che saranno consumati sulle nuove panchine dell’artista Marco Nones, o nel teatro del Latemar, o accanto ad “Harmonia” di Dorota Koziara, o inseriti nella cornice ormai storica di Mauro Olivotto. Certo, la natura offre silenzi, lascia spazio a riflessioni, ma attorno al percorso vi sono le mucche al pascolo con i loro campanacci: un motivo in più perché altri artisti si impegnino in sperimentazioni musicali con gli strumenti più vari, creando suoni che permettano intensi dialoghi con la natura e le creature che la popolano.

Alcuni appuntamenti in programma:

Giovedi 16 luglio alle 12, irriverente spettacolo comico di Roberta Kerschbaumer.

Sabato 25 luglio, alle 9.30, “Respirart Day”, con Maria Concetta Mattei, che inaugurerà le nuove opere installate (per prenotarsi: respirartgallery@gmail.com).

Giovedì 6 agosto, ore 14.30, le fisarmoniche di Pietro Deiro, un duetto in concerto che sfiorerà i declivi di Pampeago.

Giovedì 13 agosto, alle 12, il virtuoso della fisarmonica Gianluca Ciampi terrà un intenso concerto.

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire altre verifiche e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.