Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

“Soul”

Un cartone animato di Pete Docter sul senso della vita

Con la pandemia sono saltate anche le certezze della Disney/Pixar, che non hanno potuto presentare in sala il tradizionale film di Natale (scorso).

L’uscita internazionale di “Soul” è stata comunque permessa dall’eccezionale tempismo con cui, proprio un anno fa, è stata lanciata Disney +, la piattaforma di tutto il gruppo. Insomma, un colosso che si adegua alla realtà dello streaming, anche per le sue produzioni di punta, è un segno molto forte per il settore. E certamente inquietante per gli esercenti delle sale, se si considera che il film precedente, “Mulan”, presentato direttamente in streaming, ha realizzato 260 milioni di dollari solo negli Stati Uniti.

La domanda è: chi andrà al cinema nel prossimo futuro, una volta che ci saremo abituati a vedere i film in anteprima in tv, a prezzi decisamente più convenienti?

Con “Soul” si procede nel solco di “Inside Out “e “Up”, che infatti hanno tutti la regia di Pete Docter. Ma si va anche più avanti, si approfondisce.

Il film tratta del senso della vita, mica scherzi per un lungometraggio d’animazione che dà anche una sua risposta.

Joe, jazzista frustrato per una vita mediocre e deludente, muore incidentalmente proprio nel primo giorno d’ingaggio con un’importante band. Nell’altro mondo, però, la sua anima si rifiuta di accettare il crudele destino e, nel tentativo disperato di fuggire, finisce nell’ante mondo delle anime non ancora nate. Qui incontra 22,un’anima che da centinaia di anni non ha nessuna voglia di nascere, per poca motivazione e per paura. Trascinati dalla grande voglia di tornare a vivere di Joe, nonostante la sua insoddisfacente esistenza, i due precipitano sulla Terra per un giorno in cui tutti e due comprenderanno cose fondamentali sul senso dell’esistenza, l’accettazione della vita e della morte.

Ricco di situazioni buffe, gag divertenti e acuti ironici per adulti, il film è innervato di un dinamismo colorato che incanta, riuscendo ad alleggerire le situazioni più serie e spinose. La rappresentazione dell’aldilà non è tetra o spaventosa, nessuno va in paradiso o all’inferno, tutte le anime sono condotte verso una grande luce: che siano d’accordo o no, giovani o vecchie, buone o cattive.

L’ante mondo dei non ancora nati è poi un luogo magico, pieno di invenzioni geniali ed esilaranti. Ma il massimo è la realtà dei Mistici Senza Frontiere, un mondo-bolla dove i super-connessi con la vita tentano di salvare coloro che ne sono scollegati perché ossessionati da attività e dinamiche alienanti.

Insomma, un film d’animazione che con sensibilità e affetto ci dice che il senso della vita è la vita stessa. Il vivere coscienti dei momenti belli e brutti, delle proprie capacità e doti, accettando le piccole cose belle e i dolori. Cercando di essere collegati all’esistente, per provare a fare il proprio meglio senza sentirsi falliti se non si realizzano i propri sogni. Doti, attitudini e passioni sono importanti, ma non sono tutto, non sono il senso. Soprattutto non è importante essere vincenti, conseguire a tutti i costi agli obiettivi sognati. Si deve provare ad essere felici e realizzati anche con i propri limiti, nel giorno per giorno.

Il film è così di un laicismo specchiato, condivisibile da chiunque. Inoltre totalmente in antitesi con uno dei più radicati e detestabili miti statunitensi, quello di un’umanità divisa in vincenti e perdenti.

Ancora un film a dimostrazione del fatto che l’animazione non è solo un genere per bambini, ma è un mezzo narrativo come un altro, che permette di affrontare con grande efficacia temi veramente profondi.

Credo che un parametro per giudicare un bel film sia quando si vorrebbe che tutti i propri amici lo vedessero. Ed è proprio il caso di “Soul”. Peccato dunque che non sia possibile viverlo in una sala, ma questi sono i nostri tempi.

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire altre verifiche e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.