Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca
QT n. 5, maggio 2018 Servizi

Una SAT in rosa

I delegati hanno rinnovato il consiglio direttivo che ha eletto presidente Anna Facchini

Anna Facchini

Quasi in contemporanea con l’avvio di un intenso 66° Filmfestival della montagna di Trento l’assemblea dei delegati della SAT ha rinnovato il Consiglio direttivo. Sono solo 7 i nuovi entrati su 19 eletti, un dato che conferma la continuità del programma avviato sei anni fa dal presidente uscente Claudio Bassetti: una SAT attenta ai bisogni delle sezioni periferiche, protagonista nella difesa dei valori autentici della montagna trentina, sentinella dell’ambiente delle alte quote e coraggiosa nell’intensificare l’azione di rivalutazione dei rifugi alpini di sua competenza.

Il nuovo Consiglio ha eletto la giunta esecutiva formata da sei membri. Presidente è stata eletta Anna Facchini, socia della SAT di Moena, già presidente della Commissione Tutela Ambiente Montano, ispiratrice di corsi naturalistici nei rifugi, ancora oggi presidente della Commissione Cultura e della biblioteca, ideatrice dello Spazio Laboratorio, un luogo di dibattito e confronto ospitato dalla casa della SAT di Trento. Anna è una figura complessa del mondo satino, non classificabile in etichette schematiche, dotata di grande sensibilità ambientale, curiosa e sicuramente inquieta nell’approfondimento dei tanti saperi che il vivere la montagna alimenta. Accompagnata dall’amica Elena Guella (anche lei ex presidente della TAM) e da Roberto Bertoldi (dirigente della Provincia in pensione, molto vicino all’area governativa Dellai-Rossi), i due vicepresidenti, si propone di consolidare nella SAT percorsi di condivisione, di ascolto delle diverse anime sociali presenti, di fare gruppo edevitare “fughe solitarie”. Nella conferenza stampa, accanto a questo obiettivo primario, ha sottolineato la necessità di confermare l’attenzione verso le politiche ambientali della Provincia e di investire in una azione culturale che permetta il recupero del camminare la montagna in modo delicato consapevole. Un’ltima annotazione, la più importante: Anna Facchini è la prima donna presidente della SAT trentina. Si sono dovuti attendere 146 anni di storia perché un evento tanto significativo divenisse realtà.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
La SAT conferma la strada dell’innovazione

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.